SISMONDI Editore   Volumi
TRADIZIONI POPOLARI VENETE
 

TRADIZIONI POPOLARI TREVIGIANE DI QUARESIMA: BRUSAR LA VECIA

di Emanuele Bellò e Franco Crespan
(testo in dialetto con traduzione alla fine)

L' ORIGINE
L' uso de brusar col fogo o negar su l' aqua un putinoto in forma umana al finir de l' inverno el ga radise profonde e remotisime che ne riporta a la preistoria ; secondo i studiosi 'sta cerimonia la jera 'na magia, un incantesimo par parar via la bruta stajon e ciamar l' arivo de la primavera.
Se tratava de un rito de la fertilità e fecondità, praticà da le popolassion del Paleolitico e Mesolitico che ofriva a le divinità de la natura dei veri sacrifici, anca umani, sostituìi in seguito da putinoti o fantoci. Col tempo 'sto culto el se ga coagulà intorno al momento fondamental de l' inissio de l' ano, quando che nel mondo mediteraneo la bela stajon la riva timidamente dopo le ultime brose de l' invernada. Per tanti popoli antichi, infati, l' ano el scomissiava in marso e anca la Republica de San Marco la calcolava el primo de 'sto mese come apertura uficial de l' ano civil, usansa conossùa in tuta Europa come "calendario more veneto", imità anca da altri stati.
I Romani i gavea anca un idolo in forma de dona, ciamà Anna Perennia, 'na statua che el quìndese de marso la vegnea portada in procission e butada in fondo al Tevere parchè la ghe propissiasse la sorte al popol, in modo d scomissiar ben l' ano (annare) e poder concluderlo feliçemente (per-annare).
Per i LAtini la statua de Anna Perennia la gavea la stessa funsion del capro espiatorio dei Ebrei, un simbolo de la malvagità umana che ciapa su de lu le colpe de la comunità espisando co la so morte le malefate de tuti. La vecia la rapresenta la miseria de la stajon passada, la fame, le disgrassie, le malatie, le ingiustissie patìe, la xe el rifiuto de un passato negativo, l' augurio de un futuro prometente, par la campagna come par la vita.
Nei paesi balcanici, ancora al d' de unquò, un pajasso querto de foje el vien butà in aqua dai putèi del paese par invocar le piove de primavera che fa crèssar el forajo par el bestiame.
Col trionfo del Cristianesimo, la tradision de la festa de la vecia la se ga confuso co quela de la Meza Quarèsema quando che la Ciesa, par moderar i rigori e l' austerità del periodo penitensial, la permete 'na sosta de ristoro co la doménega denominada "Laetare" che la vede tornar in ciesa i fiori, la vose de l' organo e el color rosa al posto del viola dei paramenti par un giorno de giubilo in vista de la festa de Pasqua. Xe stà probabilmente nel Medioevo che el popolo el ga pensà de far ressusitar el Carneval nel bel mezo de la Quarésema e l' antichissimo putinoto , perso el so significato vegetativo, el xe diventà la vìtima del sfogo popolar par el digiuno e l' astinensa, la primavera che ancora no rivava , el graner e ala tsa vodi, l' orto e el puner che no dava gnente, el paron che no se incontentava mai.
El fogo e l' aqua no i jera i soli modi de castigar la vecia: in Romagna , par esempio, se tien in diverse çità el rito de la "segavecia" che consiste nel portar in piassa 'na vecia finta imbotia de fruti sechi e dolçi al posto de la paja o de la stopa e segarla in do par afr vegneer fora el contenuto che vien ciapà dai presenti , come che se pol vèdar al cinemain apertura del film "Amarcord" de Fellini.Anca la data de l' esecussion de la Vecia la pol variar dal zioba de metà Quarésema a l' ultima doménega de Quarésema in Alto Adige o la note de San Giuseppe in Emilia, ma la xe sempre prima che rive la primavera in tuta l' area de difusion del rito che la comprende pressoché tuta l' Europa, dal Portogalo ai paesi de lingua tedesca e a quei de cultura slava.

::continua

Traduzione

La tradizione di ardere o di annegare nell' acqua un fantoccio a forma umana sul finire dell' inverno, ha radici profonde e remotissime che ci riportano alla preistoria. Secondo gli studiosi, questa cerimonia era un rituale magico per scacciare la cattiva stagione e invocare l' arrivo della primavera.
Si trattava di un rito di fertilità e di fecondità, praticato dalla nostre popolazione già nel Paleolitico e nel Neolitico, che offrivano alle divinità della natura dei veri sacrifici, anche umani, sostituiti in seguito da fantocci ...
Successivamente, questo culto ha trovato la sua collocazione temporale all' inizio dell' anno, quando nelle regioni a clima mediterraneo la bella stagione arriva subito dopo le prime brine invernali.Per molti popoli antichi, infatti, l' anno cominciava nel mese di marzo ed anche la repubblica di S.Marco apriva l' anno civile il primo di questo mese, usanza conosciuta in tutta Europa come "calendario more veneto", imitato anche da altri stati.
I Romani avevano anche un idolo a forma di donna, "Anna Perennia", una statua che il 15 marzo veniva portata in processione e poi gettata nel Tevere come rito propiziatorio beneaugurante per la popolazione, per iniziare bene (annare) e concludere felicemente (per-annare) l' anno.
Per i Latini la statua di Anna Perennia aveva la stessa funzione del capro espiatorio degli Ebrei, un simbolo della malvagità umana, che prende su di sè le colpe della comunità, espiando con la sua morte le colpe di tutti.
La "vecia" rappresenta la miseria della stagione passata , la fame, le disgrazie, le malattie, le ingiustizie subite, il rifiuto di un passato negativo, l' augurio d un futuro promettente per la campagna e per la vita.
Nei paesi balcanici, ancora oggi, un fantoccio coperto di foglie viene lanciato in acqua dai bambini del paese per invocare le piogge di primavera che fanno crescere il foraggio per il bestiame.
Col trionfo del Cristianesimo la tradizione della festa della "vecia" si è confusa con quella della "Mezza Quaresima" , quando la Chiesa , per smorzare i rigori e l' austerità del periodo penitenziale, permette una pausa di ristoro con la domenica denominata "Laetare" , che vede tornare in chiesa i fiori, la voce dell' organo ed il colore rosa dei paramenti , al posto del viola; per un giorno di giubilo in vista della festa di Pasqua.
E' stato probabilmente nel Medioevo che il popolo ha pensato di resuscitare il Carnevale nel bel mezzo della Quaresima e l' antichissimo fantoccio pagano, perso il suo significato vegetativo, è diventato la vittima dello sfogo popolare per il digiuno e l' astinenza, per la primavera che ancora non arrivava, per il granaio e la "tesa" vuoti, per l'orto e il pollaio che non davano nulla, per il padrone che non si accontentava mai.
Il fuoco e l' acqua non erano i soli modi di punire la "vecia": in Romagna , per esempio, si tiene in diverse città il rito della "segavecia", che consiste nel portare in piazza una finta vecchia imbottita di fiori secchi e dolci al posto della paglia o della stoppa e segarla in due per far uscire il contenuto , che viene preso dai presenti, come si può vedere al cinema in apertura del film "Amarcord" di Fellini. Anche la data dell' esecuzione della "vecia" può variare dal giovedì di metà Quaresima in Alto Adige o alla notte di San Giuseppe in Emilia, ma è sempre prima che arrivi la primavera in tutta l' area di diffusione del rito, che comprende pressochè tutta l' Europa, dal Portogallo ai paesi di lingua tedesca e a quelli di cultura slava.


:: continua

 

 

ARTICOLI & LIBRI
ON -LINE
clicca QUI

POESIE ON -LINE
clicca QUI

LIBRI ON-LINE
Vuoi pubblicizzare o sottoporre una tua opera inedita a Sismondi Editore? Contattalo...


POESIE ON-LINE
Vuoi pubblicare o sottoporre una tua poesia inedita a Sismondi Editore? Contattalo...

   
   
 

 


__________________ §§§§§§__________________

© Sismondi Editore
Via Capitello, 1 -31040 Salgareda(TV)
sismondieditore@libero.it | 0422/807096